Intervista – “Bandite”

di Komorebi

Un importante lavoro che testimonia l’impegno delle donne nella resistenza italiana è il documentario “Bandite”, ideato da Alessia Proietti insieme ad un gruppo di donne di Bologna che si è interrogato sul fenomeno delle partigiane, la sua portata e il suo significato.
Diverse sono le storie che le partigiane protagoniste di questo documentario ci raccontano, diverse sono le origini, le estrazioni sociali, ma tutte sono accomunate dal desiderio e dalla volontà di combattere per la libertà. Le donne che sono andate a vivere in brigata, nascoste sui monti, hanno sperimentato una promiscuità fino ad allora mai vissuta: questo ha fatto sì che uomini e donne imparassero un nuovo modo di relazionarsi, ed è la prima volta che le donne vengono trattate alla pari degli uomini.  E qualora si fosse tentato di assegnare loro compiti tipicamente femminili, in maniera decisa hanno risposto “No! Non sono venuta qui per cucinare o rammendare, io sono qui per combattere!“.
Le donne partigiane hanno dovuto fare i conti con il pericolo, il rischio di delazione, tortura e uccisione, con la fame e il freddo, correndo gli stessi rischi degli uomini, e inoltre in alcuni casi hanno subito molestie degli stessi compagni di brigata.

A guerra finita però, viene deciso di riconoscere ufficialmente come “partigiano” solo chi aveva fatto almeno tre scontri a fuoco: in questo modo vengono bandite dalla storia tutte quelle donne che avevano svolto ruoli fondamentali, sebbene non armati: ciclostilare, portare documenti, fare manifestazioni nelle fabbriche, fare politica, fare la staffetta erano tutti ruoli molto rischiosi, e furono fondamentali per l’esito della lotta di liberazione. La scelta di riconoscere come partigiani solo chi aveva usato le armi sembra fatta proprio per includere nella storia alcuni ed escludere altre. E così nei libri di storia si legge che le donne hanno “aiutato”,” supportato” la resistenza, ma non si dice mai che “hanno fatto la resistenza” ed è questo che le donne del documentario, con i loro racconti e i loro ricordi,  dicono a gran voce : ” Noi la resistenza l’abbiamo fatta!

Per sapere se è stata oraganizzata una proiezione di “Bandite” vicino a voi potete consultare il sito del documentario in questa pagina .

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: