Cult – Una stanza tutta per gli altri

di Komorebi

E per terminare le nostre due puntate sulla politica, abbiamo affidato la rubrica Cult a Vittorio Biagini, che ha recensito per noi “Una stanza tutta per gli altri“, un romanzo di Alicia Giménez-Bartlett.
Buona lettura!

“Una stanza tutta per gli altri, di Alicia Giménez-Bartlett, è un romanzo storico, vale a dire che opera l’innesto dell’invenzione letteraria su fatti storicamente accaduti, con personaggi reali che compiono azioni storicamente documentate, mentre interagiscono tra loro in situazioni non documentate o si relazionano con personaggi di fantasia. E ciò, il romanzo, lo fa per dire qualcosa che riguarda anche la storia, non solo i personaggi.

Il romanzo racconta la vita di Nelly Boxall, domestica al servizio di Virginia Woolf, usando l’espediente di un suo diario ritrovato, finzione letteraria, ma traendo gli episodi, i quadri, dai diari, veri quelli, di Virginia.

Il Romanzo appassiona e coinvolge, si legge di corsa, come tutti quelli della Giménez-Bartlett: non per nulla esperta giallista, adusa quindi a gestire trame complesse, a tenere alta la tensione e la voglia di scoprire come va a finire.

Qui, la soluzione del giallo, il “come va a finire”, è l’autonoma, sofferta, liberazione di Nelly dall’oppressione e dalla soggezione materiale, sociale e psicologica.

La vicenda si svolge nel periodo dal 1916 al 1934, il periodo in cui Nelly Boxall fu al servizio dei Woolf. E’ il primo ventennio del secolo breve, dove succede tutto. Dove tra guerre, rivoluzioni, totalitarismi, inizia a prendere forza il movimento di emancipazione delle classi lavoratrici e delle donne.

Nel romanzo, che è, appunto, storico, questo periodo è rappresentato dalla contraddittorietà, dall’incoerenza ed anche dalla coscienza sporca in cui si trovano a vivere e ad agire i protagonisti.

Da un lato Virginia Woolf –con sullo sfondo Leonard e tutto il gruppo di Bloomsbury-, Virginia libera e libertaria, socialista, attivista del Labour Party, guida del femminismo (nel 1929 esce “Una stanza tutta per sé” saggio sulle donne nell’arte) ecc. ecc., che mantiene perfettamente e spietatamente i modi, la tipologia classica di relazione con la subalterna Nelly, che parla solo se interpellata, che con i geloni alle dita serve il tea, trasporta il carbone dallo scantinato, sta ore in ginocchio a lavare i pavimenti, tiene compagnia alla padrona nelle crisi nevrasteniche.

E dall’altro lato Nelly, che ama questa tiranna, e poi la odia, e poi la ama e la odia insieme; la comprende e la detesta; la compatisce e la maledice e la perdona …: “…vedi, loro sono scrittori, e gli intellettuali non si comportano come tutti gli altri” dice alla collega Lottie.

Non dico come va a finire, per non disturbare la tensione della lettura.

In sintesi, a mio parere, nel romanzo è rappresentata molto bene la condizione psicologica, la perplessità interiore dei coinvolti nel momento storico-critico di rivoluzione, di cambiamento delle condizioni materiali, sociali e culturali. Viene esplicitato che la libertà, da entrambe le parti, Virginia e Nelly, la si conquista: non vien concessa; e che la si conquista solo quando è conquistata “dentro”, dopo severa lotta, anche con se stessi; anzi, diciamo “se stesse”, giacché si parla di donne.

In ciò -nella rappresentazione della condizione interiore- è poi il senso del romanzo storico in generale: dire qualcosa di più di quanto non dica la storiografia: qualcosa oltre, e dentro, il dato storico registrato”.

Annunci

One Comment to “Cult – Una stanza tutta per gli altri”

  1. Sembra molto interessante. Grazie a Vittorio!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: