Archive for marzo, 2012

30 marzo 2012

Bessie Smith – l’imperatrice del blues

di sciul

Image

Bessie Smith è considerata la più popolare e talentuosa cantante blues e jazz degli anni venti e anni trenta. E’ stata soprannominata l’Imperatrice del Blues per la sua voce elegante e imponente che influenzerà poi la musica americana successiva. Era anche una ballerina, un’attice comica e una mima.
Nasce nel 1894 a Chattanooga e inizia a cantare nel 1912 nello stesso show con Ma Rainey, una delle prime cantanti blues professioniste in America, soprannominata la madre del blues, che la prese sotto la sua ala protettiva. Ma ben presto l’allieva supera la maestra, e nel 1920 Bessie ebbe il suo primo show come solista ad Atlantic City, per poi spostarsi nel 1923 a New York. Nel corso di questo decennio Bessie ebbe un grande successo e tra i musicisti che nelle varie performances l’affiancarono vanta la partecipazione di Louis Armstrong, Joe Smith, James P. Johnson, and Charlie Green. Morirà nel 1937 in un incidente automobilistico
Artiste di grande fama come Billie Holiday, Ella Fitzgerald, Mahalia Jackson, Janis Joplin e Norah Jones si sono ampiamente ispirate a lei e alla sua arte.

Buon Ascolto!

29 marzo 2012

Cultura di genere + reminder festa FdG!

di Komorebi

Carissim*

in molte delle nostre puntate abbiamo evidenziato la necessità di decostruire la cultura attuale, che sebbene venga considerata “universale”, tale non è: creata dagli uomini per gli uomini, questa cultura ha condannato le donne alla subordinazione e dunque all’invisibilità storica, sociale, economica e politica.  Perchè la nostra  cultura sia veramente rappresentativa di tutta l’umanità e non solo di una metà è necessario che sia proprio il genere la prospettiva da cui analizzare la nostra vita e metterne in discussione tutta una serie di aspetti che finora abbiamo ritenuto scontati, normali, nautarli … ma quali strumenti possiamo utilizzare per riuscirci?
A partire dalla puntata di venerdì 30 marzo parleremo di alcune realtà che si occupano di promuovere una cultura di genere fruibile a tutti. Iniziamo con “Ghena“, neonato progetto editoriale, che ci verrà raccontato dalla direttrice Maria Francesca Gagliardi.

Ritorna inoltre la rubrica Cult, curata per questa settimana dalla nostra ascoltatrce Laura Giusti, che ha recensito per noi il film “Chaos“, di Coline Serreau.

Ci farà da colonna sonora l’imperatrice del blues Bessie Smith.

Vi ricordiamo infine che vi aspettiamo numerosissim* alla festa di compleanno di Frequenze di Genere, venerdì 30 aprile dalle 18 alle 21 presso la Libreria delle donne in via San Felice 16A a Bologna! Un’occasione per conoscersi, chiacchierare, brindare, sostenere la nostra trasmissione e ascoltare musica dal vivo: suonerà per noi il Devigili Duo.

Non mancate!
La redazione

23 marzo 2012

H a p p y B i r t h d a y F r e q u e n z e d i G e n e r e !

di Komorebi

Care ascoltatrici e cari ascoltatori,

siamo felicissime di invitarvi alla festa in occasione del
PRIMO COMPLEANNO DI FREQUENZE DI GENERE!

read more »

21 marzo 2012

Sessismo nei testi delle elementari

di Komorebi

Carissim*

torniamo a parlare di educazione.

Dopo il ciclo di puntate in collaborazione con il Csge, in cui vi abbiamo raccontato come l’educazione, ritenuta da tutti assolutamente paritaria, sia invece inconsapevolmente diversificata per maschi e femmine, dalla nascita all’adolescenza, passando per la fase dellinfanzia, vi proponiamo un’altra puntata sull’argomento, che focalizza l’attenzione su uno strumento educativo importantissimo: i libri di testo delle elementari.

Irene Biemmi, assegnista di ricerca presso la facoltà di Scienze della Formazione di Firenze, ha analizzato i testi di 10 case editrici, per valutare quali messaggi veicolano a chi siede sui banchi di scuola. I risultati che ci presenterà sono impressionanti, tanto più perchè sono stati e continuano ad essere sotto gli occhi di tutti – insegnanti, genitori e, soprattutto, bambine e bambini – e a non essere notati.

Ad accompagnarci con i loro suoni generati da strumenti musicali-giocattolo, ci saranno le CocoRosie.

Vi aspettiamo venerdì 23 marzo, come sempre dalle 13.30 alle 14, su Radio Città Fujiko 103.1 FM

Buon ascolto!

20 marzo 2012

Annie Lennox

di sciul

Annie Lennox nasce nel 1954 in Scozia e fin da piccola si avvicina alla musica, imparando a suonare pianoforte e flauto. Negli anni ‘80 insieme a Dave Stewart fonda gli Eurithmics. Androgina e bellissima spesso si vestiva nelle sue performances in giacca e cravatta da uomo, per una questione politica e di potere, dichiarerà successivamente. Incredibile la sua estensione vocale che le varrà il nome de “La Grace Jones bianca”.
Nel 1985 registra insieme ad Aretha Franklin: “Sisters are doin’it for themselves” un brano che presto diventa  l’inno dell’International Women’s Day e che vuole mettere fine alla teoria secondo cui dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna. Le donne, dice il testo, sanno benissimo essere grandi per conto loro.

read more »

20 marzo 2012

Attiviste passate e presenti

di Komorebi

Carissim*

si è concluso venerdì 16 marzo il ciclo di due puntate dedicate alle attiviste passate e presenti.

Abbiamo parlato delle attiviste presenti, in varie parti del mondo, dall’america latina, all’europa, passando per il medio oriente, che lottano in situazioni spesso difficilissime e pericolose, rischiando la propria vita e la libertà, per vedere affermato il diritto ad essere trattate dalla legge e dalla società come esseri umani e veder riconosciuta una dignità pari a quella degli uomini. Le loro storie di coraggio e ostinazione e i contesti terribili in cui operano sono state il filo conduttore della puntata del 9 marzo.

read more »

12 marzo 2012

Miriam Makeba

di sciul

Miriam Makeba è una grandissima artista sudafricana originaria di Johannesburg, che inizia a cantare a partire dagli anni ‘50 sperimentandosi subito in un genere pieno di contaminazioni tra jazz e musica tradizionale sudafricana. Fin da subito la sua musica riscuote un grande successo, a tal punto che dopo il suo primo tour negli Stati Uniti nel 1960 il governo di Pretoria le impone un esilio forzato, poichè diventa presto un simbolo molto forte di un popolo oppresso. Nelle sue canzoni tratta esplicitamente temi politici relativi alla situazione dei neri sudafricani sotto il regime dell’ apartheid tanto che i suoi dischi vengono banditi. Da sempre portavoce del suo popolo e forte contestatrice dell’apartheid attraverso le sue canzoni, nel 1963 porta la propria testimonianza anche al comitato contro l’apartheid delle Nazioni Unite. Famosissimi tra i suoi brani “Pata Pata”, “The Click Song” e “Malaika”. Nel 1966 vince un Grammy come migliore incisione folk nell’album “An Evening with Belafonte/Makeba”, che tratta in modo esplicito tematiche legate alla piaga dell’apartheid. Dopo una vita tra l’America e l’Europa, nel 1990 Mandela la convince a rientrare in Sudafrica. Nel 1999 viene nominata “Ambasciatrice di buona volontà” della FAO.
Miriam Makeba muore nella notte fra il 9 e il 10 novembre 2008 per un attacco cardiaco a Castel Volturno, in Italia, dove, qualche ora prima, nonostante forti dolori al petto, si era esibita in un concerto contro la camorra dedicato allo scrittore Roberto Saviano.

10 marzo 2012

Invito per domani 11 marzo a San Giorgio di Piano (BO)

di Komorebi

Carissim*,

siamo liete di invitarvi all’incontro che si terrà domani 11 marzo, ore 15.30 presso il CENTRO SOCIALE RICREATIVO CULTURALE “FALCONE BORSELLINO”, in via Fosse Ardeatine, 4 a San Giorgio di Piano  (BO), dal titolo:

SAI COSA COMPRI?

L’immagine della donna nella pubblicità
Ogni giorno la tv, le riviste e i cartelloni stradali ci tempestano di pubblicità in cui il corpo femminile è utilizzato per vendere prodotti di tutti i tipi.
Le autrici di “Frequenze di Genere” vi guideranno in una riflessione che svelerà cosa si nasconda dietro all’utilizzo di questi corpi. Attraverso proiezioni di foto e video, confronteremo la situazione italiana con quella internazionale, sia dal punto di vista legislativo che delle immagini offerte, per scoprire insieme quali siano gli strumenti a nostra dispoizione per opporci a quest’uso denigratorio dell’immagine femminile nelle pubblicità.

Al termine dell’incontro ci sarà un buffet offerto dalle volontarie e dai volontari del Centro Sociale.

Vi aspettiamo numeros* e vi preghiamo di diffondere la notizia!

La redazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: