Beatrice Antolini

di sciul
fonte foto qui

fonte foto qui

Per riallacciarci all’artista della scorsa settimana, questa settimana vi proponiamo una cantautrice sempre italiana, anche se di un genere piuttosto diverso e sperimentale, Beatrice Antolini.
Beatrice Antolini, nata a Macerata nel 1982, comincia a socializzare con la musica e gli strumenti musicali fin da giovanissima, prima suonando il piano, poi affezionandosi a generi musicali molto diversi come il punk rock e la new wave, suonando batteria e basso in alcuni gruppi. Fin da subito dimostra il proprio talento innato come polistrumentista. Approda a Bologna, per diplomarsi come attrice nel 2002 ed è anche qui che inizia la sua carriera musicale come cantautrice. I suoi testi sono tutti in inglese e sono un equilibrato mix di classicismi, suonate pop, con incursioni elettroniche e progressive. Negli ultimi album si avvicina maggiormente a ritmi più psichedelici, sonorità non sempre immediate al primo ascolto, proprio per la complessità dell’impianto strumentale dei brani e dell’uso della voce. Onnipresente ad accompagnare la sua voce sempre misteriosa, il piano e il sinth. Le sue collaborazioni con esponenti del panorama musicale italiano indie sono innumerevoli, tra questi nominiamo i Baustelle, Manuel Agnelli degli Afterhours, Bugo, gli A Toys Orchestra. All’ attivo ha 3 album, uno ogni due anni: “Big Saloon” del 2006, “A Due” del 2008, “BioY” del 2010 e un album in uscita per il 2013, che vi consigliamo di tenere d’occhio.

Buon ascolto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: